Il marketing ai tempi del Covid-19 - Ferrari Gabriele - Web Freelance
60490
post-template-default,single,single-post,postid-60490,single-format-standard,qode-core-1.2,ajax_leftright,page_not_loaded,,pitch-ver-1.9, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,grid_1300,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5,vc_responsive

Il marketing ai tempi del Covid-19

Implicazioni non ovvie del corona virus sul TUO marketing aziendale

Al momento della stesura di questo articolo, l’Italia e il mondo sta affondando la pandemia del coronavirus. Interi paesi stanno chiudendo le frontiere  in barba  qualsiasi trattato di libera circolazione di persone e merci, l’economia è in forte sofferenza, le famiglie sono in pericolo. Ci sono molte ovvie implicazioni per i consumi, i viaggi, l’e-commerce e la pubblicità. Per questo vi indico sette implicazioni non ovvie per il marketing che sto prendendo in considerazione in questo momento:

Sei “pertinente” in questo momento?

Prendi in considerazione attentamente i prodotti e i servizi forniti dalla Tua azienda.

Se non sei assolutamente rilevante per il mondo come è IN QUESTO PRECISO ISTANTE, molto probabilmente traslare la tua attività online o affrontare corsi di “digitalizzazione” del tuo business non potrà aiutarti a ripercorrere i fasti pre-crisi.

In questo preciso istante:

·         Molte persone sono o entreranno in uno stato di shock e panico.

·         Stanno cercando di capire come gestire i bambini a casa e intrattenerli per ore e ore. Questo stato inaspettato di convivenza con i bambini produrrà nuovi stress psicologici e finanziari.

·         Sono isolati e annoiati.

·         Le loro routine sono state interrotte.

·         Migliaia di persone verranno licenziate.

·         Stanno vivendo profonda ansia che presto sfocierà in depressione.

·         Punti cardine importanti della vita di tutti i giorni – sport, festival, concerti, conferenze – sono spariti.

·         Milioni di persone non hanno più attività redditizie in questo momento. Stanno perdendo rapidamente il loro budget finanziario. Per molte persone l’attenzione si sta spostando sul “come” sbarcare il lunario.

·         I nostri clienti temono il loro futuro.

Ecco una citazione tratta da un articolo che ho letto recentemente che cerca di catturare l’umore della nazione in questo momento: “Questa è la vita in una pandemia, quando l’emergere del coronavirus potenzialmente fatale ha generato tensioni ed incertezza: sulla progressione del nuovo virus, sulla risposta del governo, sulla natura dei nostri stili di vita alterati.

E ancora…

“La testa gira all’impazzata. Mia madre starà bene nella sua casa di cura in quarantena? I miei figli si ammaleranno? Ci saranno abbastanza letti in terapia intensiva? Il tasso di mortalità rimarrà paurosamente al 10% come ora? Ho solo un leggero raffreddore o è un sintomo?”

Questo è il nostro mondo e quelli sono i tuoi clienti.

Poniti questa domanda con una precisione glaciale: “La mia attività conta ancora nel mondo in cui stiamo vivendo?”

La mia ipotesi è che per molti di voi la risposta sia “no”.

Penso che questa sia una delle più importanti implicazioni del coronavirus per il marketing: i tuoi clienti potrebbero non essere interessati a te in questo momento, qualunque cosa tu faccia. Lavorare di più e meglio potrebbe non fare la differenza.

Il mondo sta scivolando in un ritiro collettivo, con decine di milioni di persone in attesa di soluzioni ai problemi causati da una minaccia invisibile.

Il prossimo passo è scavare in profondità e capire quali skill puoi applicare alla situazione attuale e aiutare a trovare quelle soluzioni. Come puoi aiutare le persone in modo assolumente utile con le risorse a tua disposizione? Ho alcune idee al riguardo che riporto di seguito.

2. Sicuro, familiare, comodo

In un momento di stress globale senza precedenti, le persone si rifugeranno nel “familiare” per calmarsi. Man mano che aumenta lo stress psicologico, le persone cercano conforto. Cerca opportunità di marketing in:

·         Cucina, biscotti, caramelle e cibi di conforto

·         Ricordi nostalgici

·         Coperte, pigiami, abbigliamento da casa

·         Film, soprattutto Commedie

·         Vecchi spettacoli televisivi e film

·         Hobby

·         Consegna di generi alimentari a domicilio

·         Tutto ciò che rappresenta un lusso piccolo e conveniente che può essere consegnato a casa

Esempi di aziende che si stanno riassettando per soddisfare queste esigenze di comfort e sicurezza:

Preoccupati per la nostra capacità di conservare la dispensa piena se ci rinchiudiamo, ci siamo abbonati a un servizio che offre consegne a domicilio di ogni genere di piatti pronti da cuocere. Un lusso accessibile che risolve un problema!

Un negozio di alimentari sta preparando accorgimenti speciali per proteggere gli anziani.

Una distilleria sta trasformando l’ alcool di scarto in disinfettante per mani.

Un locale noto per le sue grigliate di carne, in crisi dopo la chiusura dei ristoranti, sta ora offrendo bistecche fresche consegnandole a domicilio.

3. “Bambini entusiasti”

Con più tempo a casa, una delle implicazioni del coronavirus per un “marketer” è che molti progetti che progettavamo nella nostra mente che erano in attesa – un libro, un podcast o una serie di video – diventeranno una priorità. Una nuova schiera di “Bambini entusiasti”.

Non ti sto dicendo di NON perseguire il tuo progetto personale, ma penso che questo sia probabilmente il momento peggiore possibile per lanciare qualcosa di nuovo … perché tutti lanceranno qualcosa di nuovo. Considera il progetto che hai in mente in questo modo:

·         È fondamentale per la mia attività (e se lo è, perché non l’hai mai fatto prima?)

·         È sostenibile una volta che tutto torna alla normalità?

·         È questo il posto migliore per dedicare considerevoli risorse in questo momento?

·         Sto producendo un prodotto “di sostanza” o un prodotto importante in questo periodo di panico?

Il mio amico blogger studia le tendenze dei trend su youtube e ha scritto questo:

Ho visto la gente presumere che il consumo dei podcast o video su youtube aumenterà poiché abbiamo tutto questo tempo da trascorrere in  casa. Non partirei da questo presupposto.

“COVID-19 rappresenta una gigantesca perturbazione nelle vite delle persone, e tali stili di vita includono il modo in cui i video si adattano al loro giorno tipico, che per ora non esiste. Se guardavi i video ad esempio  durante i tuoi spostamenti in bus o corriera, beh, molti di noi non sono più pendolari. E mentre ora abbiamo tutto questo tempo a casa, molti di noi (me compreso) ora hanno inaspettatamente adolescenti in casa che non lasciano molto tempo ai video.

“Come abbiamo visto con altri eventi e catastrofi avenute nel mondo, i modelli dei media si interrompono in modo imprevedibile, variando come la neve finta dentro una palla di vetro che viene scossa.

4. Vestirsi

Non appena la realtà del virus ha preso piede, le persone hanno pubblicato foto e video dicendo “Guardami! Sto lavorando da casa! ”

E tutti sembravano … per dirla educatamente … spettinati.

Lavorare da casa fornisce il permesso di non curarsi più di tanto o truccarsi. Per indossare pantaloni della tuta e magliette. Per festeggiare spettinati.

Una delle implicazioni del coronavirus per il marketing è che il consumo di trucco, prodotti per i capelli e prodotti per la cura del lusso subirà un duro colpo. Ma mi chiedo: uscendo da questa crisi, ci sarà una nuova sensibilità alla moda basata sulla praticità e sul comfort? Probabilmente stavamo andando in quella direzione comunque.

Mi chiedo solo se c’è un’opportunità qui? Dove sta andando il mercato attuale?

5. Una corsa disperata verso il ritorno in attività

Ci sono milioni di speakers, organizzatori di riunioni, organizzatori di eventi, professionisti dell’hospitality e consulenti che improvvisamente e drammaticamente hanno perso il lavoro.

Tra i miei amici in questo settore, c’è proprio il panico in questo momento. La modalità Sopravvivenza sta iniziando e c’è la disperazione di produrre qualcosa – qualsiasi cosa – che possa essere venduto online.

Nelle prossime settimane, ci sarà un numero senza precedenti di lezioni online, webinar e conferenze virtuali progettate come soluzione per il problema.

Entreremo in un periodo di sovraccarico della riunione online. Questo sarà molto buono per aziende che offrono servizi di Call online.

Quindi pensaci attentamente. Il mondo sta per essere inondato di lezioni, webinar e conferenze online. Qual è il tuo ruolo in questo scenario? Come ti posizioni in questo nuovo disordine?

Un’altra cosa importante su cui riflettere: le persone sono abituate a ricevere contenuti e webinar gratuitamente. Con così tante persone che soffrono o sono senza lavoro, le persone pagheranno per i tuoi contenuti?

6. Esplosione di innovazione

Mentre stavo tornando a casa su quello che probabilmente rimarrà  il mio ultimo viaggio di lavoro per molto tempo, ho sentito un collega al telefono. “Dovremo ripensare tutto“, ha detto.

Infatti.

La bellezza della nostra economia capitalista è la sua infinita forza d’animo e inventiva. Di fronte al disastro economico, i più creativi e competenti sopravviveranno e prospereranno con nuovi modelli e servizi aziendali che entreranno a far parte di un nuovo stile di vita post-virus.

Occorre prestare molta attenzione. Nelle prossime settimane, le persone utilizzeranno le tecnologie online in nuovi modi interessanti che ti faranno dire: “Wow! Non ci avevo mai pensato.

Questo sarà eccezionalmente interessante e riguarderà anche gli annunci. I servizi pubblicitari che si basano su grandi spazi e visioni del pianeta non avranno molto senso. In che modo i grandi brand diffonderanno il loro messaggio in ottica di un sereno microcosmo casalingo?

Non utilizzare la tecnologia per fare la stessa cosa in modo diverso. Usa le tecnologie in nuovi modi creativi per dispensare un valore unico.

7. Dispensa speranza

La paura è contagiosa. Così è la speranza.

Uno dei capi aziendali che ho stimato maggiormente aveva un piccolo cartello sulla sua scrivania che diceva “Leaders Dispense Hope“. Mi ha detto che pensava che questo fosse l’aspetto più importante della guida della sua azienda.

Un mondo di drammatici cambiamenti e incertezze genererà sicuramente ansia in un’azienda. È importante fornire una visione ferma e incoraggiamento in quell’ambiente per ottenere il massimo dal tuo team. Essere un grande leader del marketing potrebbe significare essere in grado di dispensare speranza di fronte a un uragano costante.

Penso che essere un leader efficace in questo ambiente significhi impegnarsi in un messaggio di speranza.

E con ciò, vorrei condividere con te ciò che è sulla mia lavagna oggi:

·         I VERI LEADER DISPENSANO SPERANZA

·         SII POSITIVO

·         AIUTA LA GENTE A CAPIRE IL MONDO IN CUI STANNO VIVENDO

·         SII LA MANO CHE GUIDA

Implicazioni del coronavirus per il marketing

Quello che intendo per “essere la mano che guida” è, non solo “dare” una mano. A volte devi essere la mano. Devi essere il cambiamento.

Le implicazioni del coronavirus per i professionisti del marketing sono scoraggianti e spaventose. Ma noi  dobbiamo “essere la mano che guida” le aziende a riprendere il terreno perso.

Siamo tutti sulla stessa barca e ne usciremo più uniti.



Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni