I Newsfeed sui social media sono destinati a morire nel 2021?

I cari vecchi newsfeed sui social media sono quasi defunti e sono stati annacquati e depotenziati nel corso degli anni con pagine, gruppi, storie, reels e ora spaces.

Se hai controllato recentemente Twitter posso dirti che hanno introdotto ha iniziato le Fleets e LinkedIn ha introdotto la loro funzionalità di storie e schede prodotto. Instagram ha aggiunto Reels che è di per sé un flusso di informazioni e contenuti completamente nuovo.

Molte di queste ultime funzionalità sono disponibili solo per dispositivi mobili.

Come è emerso, ora gli “Spaces” stanno arrivando su Twitter. Cosa accadrà ai vecchi newsfeed? Diventeranno obsoleti?

Comincio a pensarlo mentre entriamo nel 2021. Come faranno le piccole imprese a tenere il passo con tutti questi cambiamenti sui social media?

I buoni vecchi feed di notizie sui social media sono quasi defunti e sono stati depotenziati nel corso degli anni con pagine, gruppi, storie, reels e ora spaces. #socialmedia

Le news sui social media di Facebook sono morte da un pò
Se vai su Facebook oggi, puoi scegliere come visualizzare il tuo newsfeed.
Puoi semplicemente visualizzare solo i video che generano molte entrate pubblicitarie per Facebook.

Facebook afferma di premiare la portata organica ai post che veicolano la discussione e attirano l’attenzione degli utenti, in fin dei conti, i video lo fanno.
Se hai una pagina Facebook, scoprirai che i video ricevono più visualizzazioni rispetto ad altri tipi di post.

L’algoritmo di Facebook controlla l’ordine e la presentazione dei post, in modo che gli utenti vedano ciò che è più rilevante per loro. Avere i tuoi post condivisi da altri aiuta in questo algoritmo e nella reach del tuo post.

Piuttosto che pubblicare i contenuti in ordine cronologico, i post e gli annunci vengono presentati in base a ciò che Facebook considera pertinente per te, l’utente.
Facebook preferisce anche che tu non condivida tutti i link nei tuoi post di Facebook. Il contenuto unico vince su qualsiasi tipo di link.

Piuttosto che pubblicare i contenuti in ordine cronologico, i post e gli annunci vengono presentati in base a ciò che Facebook considera rilevante per te, l’utente. #Facebook

Puoi scegliere i gruppi di Facebook rispetto ai principali newsfeed
I gruppi sono diventati di gran moda su Facebook. Ma come funziona l’algoritmo per queste altre opzioni di newsfeed? Ebbene, secondo Agorapulse, allo stato atttuale, la reach del gruppo Facebook è molto migliore della portata di una Pagina.

Alcuni dei suggerimenti da loro includono:

  • Offri contenuti esclusivi nel gruppo Facebook.
  • Rispondi alle domande del gruppo.
  • Condividi i volti dietro il marchio.

Ma se crei il tuo gruppo Facebook, preparati a dedicarci del tempo! Dovrai moderare e rispondere rapidamente ai commenti. (Avere più di una persona che gestisce un gruppo sarebbe una mossa intelligente!)

Ricorda, è tempo o denaro. In questo momento, Facebook non utilizza gli annunci di gruppo, ma scommetto che potrebbe essere imminente questa scelta!

Gli elenchi di Twitter ti tengono lontano dal feed principale di Twitter
Su Twitter ci sono elenchi di Twitter da anni. È un ottimo modo per rimanere concentrati su Twitter, soprattutto nell’ultimo anno.

Puoi rendere le tue liste private o pubbliche. Puoi aggiungere o eliminare persone in qualsiasi momento secondo necessità.

Tuttavia, hai opzioni con i tuoi newsfeed di Twitter. Puoi scegliere i tuoi argomenti preferiti che cambieranno il tuo algoritmo. Vai alle tue impostazioni ed esplora le aree per vedere tutte le ultime opzioni.

Puoi persino cambiare ciò che vedi quando fai clic su un tweet: c’è un’opzione per dire che non sei interessato a questo tweet. Un altro modo per cambiare il tuo algoritmo.

L’esempio sopra mostra come puoi cambiare la tua sequenza temporale / algoritmo!

Ora Twitter è pronto per implementare gli “spaces”.

Tuttavia, hai opzioni con i tuoi newsfeed di Twitter.
Cosa sono gli spaces di Twitter?
Spaces è un luogo in cui incontrarsi, costruito attorno alle voci delle persone che utilizzano Twitter, la tua comunità di Twitter.

Gli spazi sono attivi fintanto che sono aperti; una volta terminate, non saranno più disponibili pubblicamente su Twitter. Il primo lancio è per quelli con la piattaforma IOS.

Tuttavia, esiste un limite di 10 persone per spazio che possono parlare. Sì, questi spazi Twitter saranno audio. Twitter li esaminerà e sospenderà chiunque violi le regole degli spazi.

E l’algoritmo di Instagram?
Instagram è un altro interessante social-network.
L’algoritmo qui si basa esclusivamente sul coinvolgimento.
Secondo lo stesso Instagram “Ciò che appare per primo nel tuo feed è determinato dai post e dagli account con cui interagisci di più, così come da altri fattori che contribuiscono come la tempestività dei post, la frequenza con cui usi Instagram, quante persone segui, eccetera.”
Sembra un’altra ricetta segreta per la salsa, vero?
Ma aspetta, c’è di più.
E le storie e il feed dei reels?
Ti gira la testa? Benvenuto nel mio mondo di gestione dei social media
Una cosa che ho letto di recente che è della massima importanza: trascorrere del tempo su Instagram per almeno 5 minuti al giorno e cioè commentare i post degli altri e inviare messaggi. Non limitarti a pubblicare le tue “cose” su Instagram e scappare altrove.

Anche l’algoritmo di LinkedIn è cambiato all’inizio del 2020
LinkedIn ha avuto grandi cambiamenti nel suo algoritmo di feed di notizie.
Ross Simmonds lo ha spiegato bene in un post sul blog

“I tuoi contenuti vengono essenzialmente offerti a un PICCOLO gruppo di persone a cui sei connesso come test e se queste persone SI IMPEGNANO, vengono quindi trasmessi agli editor (persone reali) per determinare se debba continuare a essere mostrato al masse.”

Più i tuoi contenuti sono condivisi nel piccolo gruppo dei tuoi contatti, più esce davanti a più persone su LinkedIn.

Quindi LinkedIn ha sostanzialmente seguito le orme di Facebook su come i post vengono condivisi e visti.
Tutto si riduce al fattore di coinvolgimento.

Algoritmo di YouTube aggiornato
Ora, YouTube ha cambiato molte volte il proprio feed di notizie nel corso degli anni e poiché è di proprietà di Google è più una ricetta segreta. È un “ciclo di feedback in tempo reale che adatta i video ai diversi interessi di ogni spettatore”. YouTube decide a chi verranno mostrati i video.

Osservano il comportamento degli utenti e vedono se le persone guardano, condividono o commentano il contenuto. Quindi anche YouTube riguarda il coinvolgimento.

Tuttavia, puoi utilizzare determinate parole chiave e descrizioni per aiutare i tuoi video a essere visualizzati nella ricerca di YouTube. Un ottimo strumento da utilizzare per aiutarti si chiama Tube Buddy che puoi provare GRATUITAMENTE.

Mi ha aiutato molto lo scorso anno avere i miei video più ottimizzati per la rete YouTube.

A tutti voi: pensi che i feed di notizie sui social media siano morti o verranno rianimati nel 2021?



Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi