GDPR: il tuo sito è in regola con la nuova normativa?
59044
post-template-default,single,single-post,postid-59044,single-format-standard,qode-core-1.2,ajax_leftright,page_not_loaded,,gabrieleferrari.net-ver-1.9.1523711768, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,grid_1300,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5,vc_responsive
 

GDPR: il tuo sito è in regola con la nuova normativa?

Manca meno di un mese: il prossimo 25 Maggio 2018 entrerà in vigore il GDPR n. 679/2016, ovvero il nuovo Regolamento Europeo in materia di protezione dei dati personali.

 

Cos’è il GDPR?

 

E’ una nuova legge sulla protezione dei dati personali che entrerà in vigore il prossimo 25 Maggio 2018.

 

Lo scopo di questa legge è duplice: tutelare i cittadini europei che prestano il loro consenso al trattamento dei dati personali e regolamentare in maniera più uniforme l’aspetto della privacy nelle diverse città europee.

Con questa nuova normativa, il consenso fornito dagli utenti del tuo sito web deve essere essenzialmente informato ed esplicito.

 

Questo significa che, tutti i visitatori del tuo sito web devono confermare di voler prestare il proprio consento al trattamento dei loro dati personali e, nel contempo, tutti i siti web devono mostrare una chiara Privacy Policy indicando esattamente quali dati verranno raccolti e memorizzati, da chi e per quanto tempo.

In qualità di proprietario del sito web, devi dare la possibilità ai tuoi visitatori di negare o modificare in qualsiasi momento il consenso al trattamento dei dati personali (gli interessati devono poter cancellare i loro dati in qualsiasi momento).

I webmaster che gestiscono un sito su piattaforma Worpress  hanno tempo fino al 25 maggio 2018 per conformarsi alle norme stabilite dal GDPR.

La sanzione per non conformità può essere pari al 4% del fatturato annuo globale, fino ad un massimo di 20 milioni di euro.

A seconda della gravità dell’infrazione sono previste diverse sanzioni, descritte nella sezione FAQ del portale GDPR.

È stato proposto un importo così elevato di sanzioni per migliorare l’osservanza della normativa.
Tuttavia, ci si può chiedere quali passi per la supervisione dei siti web sono in atto.
Saranno istituite, con il pieno sostegno della legge, autorità di vigilanza di diversi Stati membri.
Ogni Stato membro può avere più SCS, a seconda delle strutture costituzionali, amministrative e organizzative.

Sei sicuro che il tuo sito sia a norma?
Contattami senza impegno per valutare insieme la necessità di una consulenza su questa tematica



Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie e Policy Page